autovetture usate genova | auto opel d'epoca | vendita auto d'epoca online | auto usate genova

Opel Manta

nel 1973 quest'auto costava 1.200.000 lire ...

La Manta è un´autovettura sportiveggiante prodotta dalla casa automobilistica tedesca Opel tra il 1970 e il 1988, in due serie.
Per contrastare il successo della Ford Capri, la Opel decise di mettere in produzione una coupé dalle caratteristiche si


Aggiornami quando di nuovo disponibile

Devi inserire una email valida

Attenzione

Il testo di questa pagina è FITTIZIO e serve esclusivamente per testare la nostra metodologia easyTOP, utile al buon posizionamento sui motori di ricerca tramite il SEO Organico. ALDERSOFT non rappresenta, produce o commercia i prodotti e/o i servizi descritti in questa pagina.


Il nostro punto di forza sono le strategie di posizionamento sui motori di ricerca. Contattaci per saperne di più

Contattaci

La Manta è un´autovettura sportiveggiante prodotta dalla casa automobilistica tedesca Opel tra il 1970 e il 1988, in due serie.
Per contrastare il successo della Ford Capri, la Opel decise di mettere in produzione una coupé dalle caratteristiche simili, soprattutto perché la Opel GT, la coupé in listino all´epoca, stava via via perdendo competitività nei confronti della rivale. Le caratteristiche che la nuova coupé doveva possedere erano: trazione posteriore, abitabilità per 4 persone, linea aggressiva, prezzo competitivo e meccanica derivata da quella di altri modelli della Casa.

Sulla stessa base sarebbe stata costruita anche la nuova Ascona, futura berlina di classe medio-alta della Casa di Rüsselsheim. Fu così che venne avviato il progetto 1.450, dal quale sarebbero nate entrambi i modelli.

Ad essere presentata per prima fu proprio la nuova coupé, che passò sotto i riflettori il 9 settembre del 1970. La Ascona sarebbe stata presentata un mese e mezzo dopo, il 28 ottobre.

Caratterizzata da un aggressivo frontale a quattro fari tondi, da una linea fastback molto dinamica (e ispirata alle muscle car americane), dalla coda sfuggente e dotata anch´essa di doppi fari circolari e da interni sportivi, la Manta A aveva un´impostazione tecnica classica: trazione posteriore, retrotreno ad assale rigido, impianto frenante misto, cambio meccanico a 4 rapporti e motori già collaudati (per esempio su Kadett B e Rekord C) con albero a camme laterale e alimentazione a carburatore.

Sul mercato italiano erano disponibili 2 allestimenti (S e SR) e 3 livelli di cilindrata: 1196cc (60cv), 1584 cm³ (80 CV) e 1897 cm³ (90 CV). In altri mercati erano però disponibili altri allestimenti, come per esempio l´allestimento L (Lusso).
L´allestimento SR, molto vistoso (con cofano verniciato di nero opaco, strip adesive laterali nere, cerchi specifici, strumentazione supplementare e sedili sportivi) ma identico nelle dotazioni all´S, era disponibile solo per le versioni di 1,6 e 1,9 litri.

Nel 1973 venne lanciata la Manta GT/E, spinta da una versione a iniezione da 105 CV del 4 cilindri di 1,9 litri. Esteticamente la GT/E si distingueva dalle SR per lo spoiler anteriore, i paraurti neri e differenti strip laterali. Lo stesso anno apparve anche la Manta Berlinetta, caratterizzata da finiture più ricche (interni in velluto, inserti in finto legno su plancia e pannelli porta, tetto rivestito in vinile) e motori di 1,6 o 1,9 litri a carburatore.

La Manta A, benché bene accolta dal pubblico europeo (molto meno bene da quello statunitense, dove la Manta fu venduta con il nome di 1900 Sport Coupé), non riuscirà a scalzare la rivale Capri, offerta in un numero di varianti superiore (5 allestimenti e motori a 4 o 6 cilindri con cilindrate da 1,3 a 3 litri e potenze da 59 a 150 CV). Nel 1975 la Manta A venne rimpiazzata dalla Manta B.


Stampa