Aro Ischia

La ARO (abbreviazione di Automobili Romania) era una industria rumena di autoveicoli fuoristrada situata nella cittadina di Câmpulung. Iniziò la produzione nel 1957 con l´IMS ponendosi come casa pioniera al mondo di veicoli 4x4. Nel corso della sua


Aggiornami quando di nuovo disponibile

Devi inserire una email valida

Attenzione

Il testo di questa pagina è FITTIZIO e serve esclusivamente per testare la nostra metodologia easyTOP, utile al buon posizionamento sui motori di ricerca tramite il SEO Organico. ALDERSOFT non rappresenta, produce o commercia i prodotti e/o i servizi descritti in questa pagina.


Il nostro punto di forza sono le strategie di posizionamento sui motori di ricerca. Contattaci per saperne di più

Contattaci

La ARO (abbreviazione di Automobili Romania) era una industria rumena di autoveicoli fuoristrada situata nella cittadina di Câmpulung.
Iniziò la produzione nel 1957 con l´IMS ponendosi come casa pioniera al mondo di veicoli 4x4. Nel corso della sua storia produsse circa 360.000 veicoli 2/3 dei quali furono destinati all´esportazione in 110 paesi (fino al 1989 il 90% della produzione della ARO veniva esportato). Infatti nel 1963, mandando in pensione la M59 dopo 4 anni di produzione, con la M461 l´ARO incomincia una fortunata esportazione che già nel 1965 tocca 55 paesi del mondo.
Nel 1971 esce la ARO 24 un veicolo studiato ed adibito al trasporto di persone e merci in zone montane.
Infine nel 1979 esce con grande apprezzamenti tecnologici e soprattutto stilistici la ARO 10 che assieme alla Serie 24 proseguiranno negli anni con continui sviluppi e motori arrivando a montare quelli marchiati anche Renault, Daewoo e Toyota.

Nel settembre 2003 lo stato rumeno decide di vendere il 68% della casa ad una compagnia americana chiamata "Cross Lander" appartenente a John Perez per un prezzo di 180.000 dollari statunitensi. Nel contratto veniva dichiarato che vi sarebbe stato un investimento di 2 milioni di USD, ma nessuno di questi investimenti venne fatto.

Nel giugno 2006 venne dichiarata la bancarotta.


Stampa